003/2024

Nei giorni scorsi, presso la sede di S. Marco della Capitaneria di porto di Venezia, sede di Direzione Marittima, il Direttore Marittimo, Contrammiraglio Filippo Marini, il Direttore Marittimo di Trieste, Capitano di Vascello Luciano Del Prete, e la dottoressa Anna Favero, Presidentessa del Distretto 2060 – Nord Est di Rotary International hanno siglato un protocollo di intesa finalizzato alla collaborazione nell’iniziativa di sensibilizzazione ambientale Rotary Plastic Ride che il Distretto 2060 ha pianificato nel quadro delle iniziative che celebrano il centenario della fondazione del Rotary in Italia.

Si tratta di un tour ciclistico in 3 tappe, che avrà luogo ad aprile prossimo e che toccherà diverse località del Triveneto per culminare con l’arrivo a Venezia, all’interno del porto. Lo scopo dell’evento è di coinvolgere la cittadinanza sulla tematica dell’inquinamento dovuto alle plastiche e, in particolare, sull’importanza del corretto smaltimento e riciclo, al fine di evitare dispersioni nell’ambiente, soprattutto nei corpi idrici intermedi e nel mare.

La tematica trova terreno comune con le iniziative che il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera ha fatto proprie già dal 2019 con la campagna di responsabilizzazione #PlasticFree e, più in generale, con la missione istituzionale di salvaguardia dell’ambiente marino che la Guardia Costiera ha fatto propria per legge ormai dal lontano 1982. La tappa finale vedrà, inoltre, la presenza di un’unità navale della Guardia Costiera classe De Grazia, il Comandante che si è speso, fino all’estremo sacrificio, per indagare sulle navi dei veleni, i rifiuti tossici e il ruolo della criminalità organizzata nello smaltimento dei rifiuti, oltre che di un Laboratorio Ambientale Mobile, che svolge ormai da oltre 10 anni attività di supporto tecnico a delicate indagini ambientali lungo gli 8.000 km di costa italiana.

L’Ammiraglio Marini, nell’indirizzo di saluto prima della firma del protocollo ha dichiarato “La tutela dell’ambiente suscita sempre più nella cittadinanza interesse e genera quella consapevolezza nelle persone di poter e dover dare un contributo decisivo alla salvaguardia di questo common good. Sono certo che il Rotary Plastic Ride sarà un momento importante di aggregazione di tutti coloro che nel Triveneto intendono mettersi in gioco per l’ambiente ed in particolare per il delicato ecosistema marino-lagunare”. 

A testimonianza del lavoro svolto nel 2023, nell’ambito della Direzione Marittima di Venezia, si riportano alcuni dati riguardanti il contrasto agli illeciti ambientali: 29 notizie di reato, 6.500 mq di superfici sequestrate poiché oggetto di deposito non autorizzato di rifiuti, oltre 1.000 miglia percorse dai mezzi navali dipendenti per controlli ambientali.

Lascia un commento