T. Mariotti si aggiudica la procedura ad evidenza pubblica a favore della Marina Militare per la realizzazione di due unità ausiliarie di tipo Moto Trasporto Costiero e Assistenza Fari (MTC/MTF) e, in data odierna, ha stipulato il contratto di costruzione con la Direzione degli Armamenti Navali del Segretariato Generale della Difesa/DNA.  Il Cantiere è attualmente impegnato nella realizzazione l’unità SDO-SuRS (Special and Diving Operations – Submarine Rescue Ship) – la prima commessa militare conquistata da T. Mariotti, parte del Gruppo Genova Industrie Navali – con questo risultato consolida la presenza nel settore della Difesa.

Le due nuove navi, parte di in un programma più ampio di acquisizioni, garantiranno il supporto alle attività di manutenzione del Servizio Fari e del segnalamento marittimo, nonché il trasporto di mezzi, personale, carichi solidi e liquidi in acque nazionali ed internazionali. Le due Unità saranno caratterizzate da una elevata flessibilità d’impiego e modularità, con caratteristiche tecnico-costruttive tali da poter svolgere le attività operative cui saranno preposte, assicurando un insieme di “funzionalità” integrabili e da attivare a seconda delle esigenze, attraverso l’imbarco di moduli deployable nella zona poppiera di lavoro.

“Dopo la costruzione dell’unità SDO-SuRS, T. Mariotti è lieta di confermare la prosecuzione della collaborazione con la Marina Militare Italiana. La realizzazione di due nuove unità MTC/MTF è un segno tangibile di continuità per noi. – afferma Marco Giglione, amministratore delegato di T. Mariotti – Siamo orgogliosi di contribuire alle ricadute positive che queste commesse porteranno all’indotto, alla città di Genova e al prestigio del Made in Italy.”

Da quasi un secolo, T. Mariotti ha messo a disposizione del settore la sua esperienza nella costruzione navale di nicchia. Le nuove unità ausiliarie e l’unità SDO-SuRS rappresentano esempi tangibili del costante impegno del cantiere nella realizzazione di piattaforme all’avanguardia e sempre più orientate al green.

Lascia un commento