Un pubblico fortemente eterogeneo è stato protagonista dell’edizione dei Port Days di quest’anno. La manifestazione nazionale, promossa da Assoporti e realizzata sul territorio dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, che si è chiusa nei giorni scorsi, ha visto la partecipazione di oltre 2700 cittadini, tra cui oltre 550 studenti di istituti primari e secondari, e ancora giovani universitari, ma anche esponenti della terza età, famiglie, numerose associazioni del territorio e oltre 90 tra imprenditori e operatori di settore.

In 3 settimane sono state 16 le iniziative gratuite proposte sia a Venezia che a Chioggia tra incontri di approfondimento, iniziative ludico-sportive, itinerari guidati in barca e a terra, performance artistiche in ambito musicale e teatrale. Tra le novità principali del 2023: l’incontro e il successivo tour guidato alla Venezia Heritage Tower che ha coinvolto la comunità di anziani ospitata nella residenza IPAV a Mestre, la performance teatrale “DI MARE IN MARE” che ha registrato per due sere il tutto esaurito al Teatro a l’Avogaria, un percorso guidato a piedi alla scoperta del waterfront veneziano e, infine, l’evento “S-Port”, co-organizzato con il Centro Sportivo Universitario, che ha visto circa 200 bambini cimentarsi in diverse discipline nelle aree di cerniera tra porto e città. Gran successo ha riscosso il “San Basilio Waterfront Music Fest”, l’evento co-organizzato con l’Università Ca’ Foscari, che ha visto un’onda di giovani universitari propagarsi a ritmo di musica grazie all’esibizione di band musicali e dj che si sono alternati sul palco allestito per l’occasione sul waterfront portuale.

Una conferma anche per l’edizione di quest’anno è stato invece il positivo riscontro ottenuto tra i più piccoli con il Port Educational, lo strumento ludico – didattico multimediale ideato dall’AdSPMAS, con cui i bambini di Chioggia al Museo Civico della Laguna Sud hanno potuto giocare e comprendere come funzionano traffici e commerci, navi e merci.  Ancora Chioggia è stata protagonista nella giornata di chiusura, dedicata al settore crocieristico, per un approfondimento in chiave sostenibile della gestione della proposta turistica.

Questa manifestazione si arricchisce di anno in anno– commenta il presidente AdSPMAS, Fulvio Lino Di Blasio– siamo stati in grado di coinvolgere un pubblico sempre più eterogeneo e interessato a un’offerta anch’essa sempre più articolata, diversificata e in grado di raccontare i porti veneti, le loro attività e i legami con il territorio, con la Laguna e le sue risorse in modi coinvolgenti e sempre nuovi. Un ringraziamento particolare va anche quest’anno alla comunità portuale, al Propeller Club e alla Capitaneria di Porto, presente in tutte le iniziative, sia quelle riservate alle scuole che quelle dedicate alla cittadinanza, e tutte le istituzioni coinvolte in qualità di partner con le quali siamo già pronti a lavorare alla prossima edizione

Lascia un commento