“Il Parlamento Europeo ha approvato i testi definitivi di FuelEu Maritime e Afir. La Lega ha votato a favore al primo, astenuta sul secondo perché il regolamento non rispetta il principio della neutralità tecnologica. Al netto di numerosi passaggi condivisibili, la preferenza accordata all’elettrificazione delle infrastrutture e dei mezzi di trasporto è un grave errore strategico: favorirà la Cina a discapito della nostra industria e della nostra capacità produttiva. Bene invece il regolamento sulla diffusione di carburanti alternativi nel marittimo, al quale ho lavorato in prima persona e che rispetta le esigenze e le ambizioni dell’armamento italiano. Tra queste, le deroghe per piccole isole e per tratte soggette a obblighi di servizio pubblico verso Sicilia e Sardegna, il reimpiego delle risorse provenienti dal settore per la ricerca e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche avanzate nel marittimo, il rispetto della neutralità tecnologica e il raggiungimento di una mediazione sugli obiettivi di decarbonizzazione. Ancora una volta, mentre in Ue c’è chi promuove agende ideologiche ed estremismi green, la Lega lavora con serietà e buonsenso per incidere su proposte concrete e fattibili”.
Così in una nota Marco Campomenosi, componente della commissione Trasporti, capo delegazione Lega al Parlamento Europeo.

Lascia un commento