Porto Cervo ha ospitato la scorsa settimana le regate del Nations Trophy-Swan One Design, evento riservato alle imbarcazioni del cantiere Nautor Swan, che da mercoledì fino a sabato si sono affrontate nelle sempre ventose acque della Costa Smeralda. Quattro giorni di grande vela, che hanno avuto in Vitamina Cetilar, il Club Swan 50 del Vitamina Sailing Team con al timone Andrea Lacorte e alla tattica l’inglese Nic Asher, un protagonista assoluto.

La barca in regata per lo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa – già sul podio lo scorso maggio a Villasimius, sempre in Sardegna, in occasione della prima tappa del circuito – ha concluso la manifestazione organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda con il cantiere Nautor Swan, con un eccellente secondo posto finale nella classe Club Swan 50, la più numerosa con 13 barche e soprattutto la più impegnativa, visto l’alto livello degli equipaggi presenti.

Sette le prove disputate in quattro giorni e score estremamente regolare – 6, 2, 5, 10, 3, 2 e 7 – per lo scafo in livrea blu Cetilar® portato in maniera impeccabile da Andrea Lacorte, che a bordo, oltre ad Asher, poteva contare su un rodato equipaggio formato dal Team manager Matteo De Luca, Alberto Bolzan, Francesco Mongelli, Giovanni Bucarelli, Massimo Bortoletto, Diego Battisti, Alessandro Tonelli, Jacopo Ciampalini, Alessandro Frizzarin e Alessandro Costagliola.

Grazie a questi risultati Vitamina Cetilar ha concluso il Nations Trophy di Porto Cervo al secondo posto finale, dietro i tedeschi di Hatari di Marcus Brennecke e davanti a Cuordileone di Leonardo Ferragamo. Ma non è tutto.

La barca supportata nella sua intensa attività agonistica da Cetilar®, brand della casa farmaceutica PharmaNutra, ha infatti contribuito al successo dell’Italia nel Nations Trophy, insieme allo stesso Cuordileone. In questa speciale classifica a squadre, l’Italia ha preceduto la Germania e il Principato di Monaco.

“Una settimana davvero bella e intensa, con giornate di forte vento e grande spettacolo, che hanno esaltato le caratteristiche del nostro equipaggio, a cui faccio i complimenti perché i ragazzi hanno davvero lavorato molto bene”, spiega il timoniere Andrea Lacorte. “Regatare in Costa Smeralda non è mai facile, farlo in una flotta altamente competitiva come quella dei Club Swan 50 aggiunge ulteriori difficoltà, per questo il secondo posto che abbiamo conquistato vale tantissimo. Se a questo aggiungiamo la vittoria del Trofeo a squadre, non possiamo che tornare a casa soddisfatti sia del risultato che della prestazione. Tra M32 e Club Swan 50,  la stagione finora ci sta regalando molte soddisfazioni. L’obiettivo è proseguire su questa strada, continuando a crescere e migliorare”.

 

Seareporter.it

Lascia un commento